Abbiamo investito risorse economiche ed intellettuali per offrire oggi quello che sarà lo standard del futuro. Ci rende orgogliosi l'essere stati una delle prime realtà italiane a proporre il BIM su ogni commessa.


bim advantages

building information modeling

Nell'attuale fase storica non è possibile fornire una definizione certa di cosa è il BIM. Wikipedia riporta: “Si può definire BIM (sigla internazionale di Building Information Modeling) il processo di sviluppo, crescita e analisi di modelli multi-dimensionali virtuali generati in digitale per mezzo di programmi su computer. Il ruolo del BIM nell'industria delle costruzioni (attraverso i suoi attori siano questi Architetti, Ingegneri, Costruttori, Clienti) è di sostenere la comunicazione, la cooperazione, la simulazione e il miglioramento ottimale di un progetto lungo il ciclo completo di vita dell'opera costruita.” Fonte: Wikipedia 2016.



bim ready

building information modeling

La modalità di progettazione, costruzione e gestione di qualsiasi opera edilizia ed infrastrutturale sta subendo una profonda rivoluzione, molto più radicale di quando si passò negli anni 90 dal tecnigrafo al cad. Tale rivoluzione si chiama BIM. La decisione di investire nell’adozione del BIM, sin dal 2004, è stata una scommessa, in quanto la tecnologia, pur se potenzialmente straordinaria, è giovanissima e soffre di un inserimento nel quadro normativo tecnico. Nonostante questo, l’implementazione del BIM è stato l'obiettivo cercato con più forza, arrivando ad innalzare vertiginosamente la qualità dei servizi offerti.



bim certainties

building information modeling

La punta di diamante del Building Information Modeling: la gestione unitaria degli aspetti urbanistici, architettonici, strutturali, energetici, impiantistici, nonchè di tutta la preventivazione, realizzazione, gestione e manutezione postuma dell‘opera. Nonostante il capitolo BIM sia una materia complessa e in evoluzione, possiamo vantare forte esperienza, avendo misurato i processi teorici nei casi concreti. Tale esperienza è a disposizione di ogni servizio sviluppato all'interno dello studio ma anche in forma di collaborazione verso colleghi e imprese che vogliano (o debbano) fare il salto nel BIM per procedure di appalto.


I vantaggi per il cliente

Fornire un servizio mediante il Building Information Modeling porta con se vantaggi straordinari per il cliente finale. Il Bim non è infatti un ausilio alla progettazione ad uso e consumo dei tecnici, ma uno strumento di supporto per l'opera lungo tutto il suo ciclo di vita, dall'idea allo sviluppo, dalla realizzazione alla manutenzione. Il beneficiario più grande del sistema Bim è infatti il cliente, sia esso un privato, una pubblica amministrazione, un immobliare o un'impresa.



I nostri strumenti software nel processo BIM


logo autodesk revit
logo autodesk 3ds max
logo autodesk 360
logo autodesk showcase
logo str vision cpm
logo autodesk naviswork

Il BIM presso lo Studio De Simone: per settori

Rilievi e restituzioni
65%
Progettazione architettonica
95%
Progettazione strutturale
50%
Retrofit sismica
90%
Progettazione impiantistica
75%
Direzione lavori e cantiere
50%

Il BIM presso lo Studio De Simone: sviluppo negli anni

2005
20%
2007
30%
2009
55%
2011
70%
2013
85%
2015
99%

Il BIM nella progettazione: Designer e Technical

Per capire bene i vantaggi insiti nel sistema BIM, è necessario un confronto diretto tra la progettazione tradizionale e quella basata sul BIM. Il professionista tradizionale usa normalmente software CAD (in due o tre dimensioni), producendo una serie di disegni destinati alla stampa o allo scambio digitale. Il resto della documentazione progettuale (relazioni, computi, stime, cronoprogrammi, capitolati, contratti) viene invece generata a parte, senza nessun legame diretto o integrazione con il modello dell’opera. Ne conseguono una serie di criticità:

  • è altissima la probabilità di commettere errori di coordinamento tra i vari elaborati, poiché essi vengono prodotti senza una reale organizzazione automatizzata;
  • essendo il lavoro da compiere molto consistente e spesso legato a scadenze strette, si manifesta un'evidente dispersione di risorse umane, che spesso, per la necessità di contenere i costi, sono costituite in parte da personale poco esperto o poco qualificato, come neolaureti o neodiplomati;
  • è arduo gestire qualsiasi tipo di variante, sia essa per volontà del committente oppure per mutate esigenze in corso di realizzazione. Non è infrequente, in tal caso, che il progettista si trovi costretto a “rifiutare” varianti anche marginali oppure a proporre fastidiose rinegoziazioni dell’onorario;
  • poiché il CAD è sostanzialmente la riproposizione digitale del vecchio tecnigrafo, permane la netta distinzione tra il progettista (che idea l’opera a mezzo di schemi concettuali) e l’operatore (che la traduce in elaborati), con l’evidente rischio che il prodotto finale non sia del tutto corrispondente alle piene volontà del progettista.

Il sistema BIM rivoluziona l’impostazione tradizionale, annullando le problematiche sopra esposte e definendo nel contempo nuovi standard di qualità. I committenti e le imprese beneficiano dei seguenti valori aggiunti:

  • riduzione drastica degli errori progettuali;
  • riduzione drastica delle incongruenze tra progetto architettonico, strutturale, impiantistico, energetico;
  • possibilità di visualizzare l’opera in progetto non solo attraverso render fotorealistici (ormai inflazionati e non sempre di qualità) ma attraverso produzioni grafiche ed analitiche di estremo dettaglio;
  • riduzione drastica dei contenziosi in sede di appalto lavori tra committente e imprese;
  • stime delle quantità e dei costi di assoluta fedeltà;
  • possibilità teorica di operare varianti illimitate in corso di progettazione.

Il BIM nell'esecuzione: cantiere in cloud.

La concorrenza nel settore delle costruzioni, esasperata tra l'altro dalla crisi, richiede una pianificazione delle attività di cantiere attenta e scrupolosa, che parte dalla scelta delle soluzioni più efficaci passando per una minuziosa e precisa gestione dei costi. Purtroppo nell'approccio tradizionale intervengono molte variabili che possono rendere inefficace qualsiasi pianificazione. Diverse ricerche internazionali (vedi ad esempio “New Wiring, Noweven Builders go online”, in The Economist, 2000; Paul Teicholz, Center for Integrated Facility Engineering, 2004; Gallaher et al., 2004) hanno stimato che circa il 68% dello spreco di costi nell’edilizia che le imprese (e quindi committenti e stazioni appaltanti) devono ingiustificatamente sostenere, è dovuto ad un progetto carente, insufficente o addiruttura sbagliato. La causa risiede nei sistemi di progettazione tradizionali che, per i problemi già esposti in precedenza, riverberano drammatiche conseguenze, con forte rischio di:

  • realizzare opere scadenti;
  • realizzare opere che, sfiancate da contenziosi, restano incompiute;
  • dover provvedere a varianti progettuali a cantiere già aperto, ovvero in fasi in cui il loro costo è esponenzialmente alto.

E’ possibile riportare in un grafico (MacLeamy, 2004) l’intensità di sforzo intellettuale che segue la progettazione di un’opera in modo tradizionale. La linea rossa indica l’impegno che viene espresso dal progettista. Come si nota, il maggiore impegno è concentrato nelle fasi di cantiere. Ciò è dovuto essenzialmente al fatto che nelle fasi progettuali non si sono approfonditi dettagli importanti, che però, ad un certo momento, necessariamente devono essere affrontati. Banalmente potremmo affermare che la fase del cantiere è tradizionalmente quella in cui “i nodi vengono al pettine”. La problematica però non risiede nel “rimandare” le soluzioni, quanto nel fatto che, nella fase realizzativa, eseguire varianti migliorative o correzione di errori è decisamente oneroso (lo sfondo rosa rappresenta il rischio economico per committente e impresa). L’approccio che adotta lo Studio De Simone invece, derivato dall’applicazione del sistema BIM, anticipa e spalma gli sforzi intellettuali alle fasi di progettazione, ossia quelle in cui l’apporto di miglioramenti, varianti e correzioni non comporta costi per committente e impresa.

MacLeamy 2004 curve
MacLeamy 2004 curve

La rivoluzione BIM nelle politiche Europee.

"La strategia di questo Governo cambierà le dinamiche e i comportamenti della filiera delle costruzioni, e porterà all’introduzione di un modo nuovo di operare, più efficiente e collaborativo. Sarà l’adozione del BIM che permetterà di essere all'avanguardia di una nuova era digitale, portando il Regno Unito a diventare leader mondiale nelle costruzioni”. Così si esprimeva nel 2012 Francis Maude, Ministro del Regno Unito. L’adozione del BIM diventerà nel breve obbligatoria a livello internazionale. L’Italia si trova in ritardo, ma non più della media dei paesi industralizzati. Da una statistica (Q4 2013 European Architectural Barometer), risulta che solo il 10% degli studi tecnici italiani adotta il BIM. L’Europa ha emanato nel 2014 la nuova Direttiva sugli Appalti, EUPPD, che renderà nel futuro obbligatoria la redazione dei progetti pubblici con il BIM. A livello internazionale, l’International Organization for Standardization (ISO), con la Norma 16739:2013 ha introdotto il formato di dati Industry Foundation Classes (IFC) come unico riferimento per tutta l’industria delle costruzioni a livello mondiale. Si tratta di un formato di file basato su oggetti sviluppato da buildingSMART (ex International Alliance for Interoperability) per consentire l'interoperabilità in architettura, ingegneria e impiantistica, sia a livello progettuale che di costruzione dell’opera. Il software Autodesk Revit, con il quale il nostro studio opera quotidianamente e con il quale segue tutte le commesse, è uno dei pochi ad aver già ottenuto la relativa certificazione internazionale.


Utilizzo BIM nel 2014. Fonte: McGraw Hill Construction

Stati Uniti
Brasile
Germania
Australia
Francia
Italia
Sei interessato ad un progetto? Contattaci